Made in Loppiano - logo
Registrati
IT EN
shop
0

Fratello Sole, Sorella Luna

Sulle orme dell’amico dell’infanzia

Negli ultimi dieci anni la figura di San Francesco ha trovato un posto di rilievo nell’arte di Hung. Nel 2004 durante un suo viaggio d’arte in Germania, scopre un episodio alquanto suggestivo che più volte trova eco nelle fonti francescane: il frate di Assisi avvolto dall’ispirazione divina, intento ad intonare una melodia tenendo nelle mani due semplici ramoscelli.

Da quel momento Hung inizia una serie di ritratti scultorei del santo, raffigurato come se fosse un trovatore con la sua viella, assorto in un canto di lode appassionato ed immerso nella contemplazione del divino. Se le prime opere, intitolate “Fratello Sole e Sorella Luna”, erano rappresentazioni ad altorilievo, a queste sono poi seguiti altri tributi a San Francesco del tipo “a tutto-tondo”, di felice collocazione site-specific. Come il “Franz von Assisi” del 2014 a Kleinbreitenbach in Turingia (Germania), dove l’intreccio metallico restituisce una figura che appare quasi tutt’uno con lo sfondo lussureggiante della foresta lungo il Kunstwandererweg, un percorso d’arte. Un’altro esempio è la scultura en plein air “Laudato Sì” del 2019, dove il santo è ritratto seduto sotto le fronde di un albero solitario contornato dall’immenso prato verde della Fraternità Romena, ad Arezzo nella valle del Casentino.

Entrando in dialogo con l’artista, si scopre che il santo assisiate è affiorato nel suo immaginario come in una reminiscenza proustiana. A lui infatti era intitolata la scuola che frequentava da bambino - St. Francis Assisi’s School -, nel distretto ShekKipMei, Kowloon, ad Hong Kong. Del resto suo era anche il testo dell’orazione - Preghiera Semplice – che aveva imparato a recitare da bambino prima ancora della sua iniziazione cristiana.

In questa produzione artistica troviamo il vissuto di Hung, ma traspare anche il fascino per la purezza e la radicalità della spiritualità francescana, così come la sensibilità per la bellezza del creato, oggi sempre più spesso ferito.

 

Elisa Panato

Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Cliccando accetta si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni.